L'IMPRESA

Dal ponte sul Lamone al Palazzetto dello Sport, un secolo di opere della Cortesi Luigi Srl di Bagnacavallo.

CENT'ANNI PER UNA GRANDE IMPRESA.

Cent'anni di vita dell'impresa Edile Cortesi Luigi Srl di Bagnacavallo sono stati celebrati giovedì 13 dicembre 2012 in Municipio: il sindaco Laura Rossi ha donato al presidente Antonio Cortesi, accompagnato dal figlio Claudio, una medaglia della città e una pergamena con “le più vive felicitazioni per l'importante traguardo raggiunto e i più calorosi ringraziamenti per il contributo alla crescita economica del territorio”.

Sono infatti numerosissime le opere pubbliche eprivate che, dalla fondazione nel 1912 da parte di Luigi Cortesi, l'impresa che ancora oggi porta il suo nome ha realizzato per Bagnacavallo: si va dalla ricostruzione di molti ponti, uno per tutti quello sul Lamone, distrutti durante gli eventi bellici alla ristrutturazione di diversi edifici pubblici e di culto, tra i quali la chiesa di San Francesco, colpita dai bombardamenti.


Risalgono poi agli anni Sessanta la copertura di un lungo tratto cittadino del Canale Naviglio zanelli, la posa in opera della rete dell'acquedotto, la costruzione delle scuole medie di via Cavour e la ristrutturazione e l'ampliamento di Palazzo Vecchio, in piazza della Libertà. 
Negli anni Settanta poi, l'opera più importante per la città è senz'altro la realizzazione dell'attuale Palazzetto dello Sport di Bagnacavallo. Nel corso del suo secolo di vita la Cortesi Luigi Srl ha naturalmente lavorato anche al di fuori di Bagnacavallo: tra le sue più importanti realizzazioni va in questo caso ricordata la costruzione della stazione di Modena, negli anni '30 e il recente restauro scientifico di Palazzo Baldini di Boncellino.

Dal 1946, all'età di soli 14 anni, aveva nel frattempo iniziato a lavorare nell'impresa Antonio, l'attuale Presidente della Società, figlio di Francesco e nipote di Luigi. A 19 anni Antonio, meglio conosciuto come “Zimét armé”, anche per il suo risoluto modo di giocare a calcio nella locale squadra di Bagnacavallo, è già capocantiere e coordina l'attività di decine di operai, senza con ciò sottrarsi al duro lavoro manuale.

Dal 1977, anno della morte del padre Francesco, Antonio diviene socio della società affiancando gli zii. La quarta generazione dei Cortesi subentra nel 1986, quando, a seguito del ritiro dall'attività di Bruno ed Italo, si affiancò ad Antonio, il figlio Claudio.
Da allora la compagine sociale non è mutata con Antonio tuttora Presidente della Società, nonostante i suoi 80 anni di età; negli ultimi anni si è assistito al cambio generazionale della società con sempre maggiore impegno nella sua conduzione da parte di Claudio.
La Cortesi Luigi srl opera tuttora sul territorio con interventi di costruzione e ristrutturazione edile, oltre che con l'esercizio in forma diretta di attività immobiliare per la vendita. La sede dell'impresa è in Via Pieve Masiera 30.

L'auspicio del presidente Antonio, che è succeduto al nonno Luigi e al padre Francesco, è quello di poter vedere all'opera la quinta generazione di Cortesi.